Gnuni Sicilia - Anfiteatro romano di Catania
CON GNUNI SCOPRI LA SICILIA! ORGANIZZA LA TUA VACANZA, LA TUA GITA, LA TUA PASSEGGIATA IN SICILIA. SCOPRI LA SICILIA CHE NON CONOSCI. GNUNI E' UNA GUIDA PER IL TURISTA IN SICILIA. GNUNI PER CONOSCERE ED AMARE OGNI ANGOLO DELLA SICILIA. VISITARE
SCOPRI LA SICILIA
Scopri la Sicilia con Gnuni!
Ingrandisci la mappa interattiva, appariranno punti sempre più dettagliati!

  • Anfiteatro romano di Catania
  • Anfiteatro romano di Catania
  • Anfiteatro romano di Catania
  • Anfiteatro romano di Catania
Close Clicca sull'immagine
Si Trova: a Catania, in piazza Stesicoro
Lat: 37° 30' 26.97633" N - Long: 15° 5' 8.533430" E

Aggiungi ai miei itinerari
Aggiungi alla lista Punti che vorrei visitare

L'anfiteatro è uno dei monumenti più significativi della città romana di Catania, ed uno dei più grandi di tutta Italia.

Fu costruito, intorno al II secolo d.C., a ridosso della collina Montevergine, e nel III secolo fu ampliato.

Attualmente solo una piccola parte, inferiore ad un decimo del totale, è visibile e visitabile dalla piazza Stesicoro, il resto si trova tutt'ora sotto gli edifici settecenteschi della città, precisamente sotto via Manzoni, via Neve e via Penninello.

L'edificio aveva pianta ellittica ed era costruito in pietra lavica rivestita con marmi bianchi.

L'arena aveva il diametro maggiore di 70 metri, quello minore di circa 50 metri ed una circonferenza di 192 metri.

All'esterno, il diametro maggiore era di 125 metri, quello minore di 105 e la circonferenza era di 309 metri.

Aveva 32 ordini di posti, la sua capienza era di 15.000 spettatori che, con impalcature lignee, come di frequente si faceva nel periodo, potevano arrivare quasi al doppio.

Probabilmente era anche prevista una copertura con grandi teli.

La parte attualmente visibile comprende una porzione della cavea e dell'arena.

All'interno è percorribile una parte del corridoio dell'ordine inferiore.

Un altro piccolo tratto dell'anfiteatro è visibile a qualche decina di metri dalla piazza Stesicoro, nel vico Anfiteatro, dove è possibile vedere una sezione comprendente anche il secondo e parte del terzo piano.

A Villa Cerami si può vedere una parte del sistema di archi che collegava l'anfiteatro alla collina Montevergine, ed un'ulteriore punto visibile si trova sotto la chiesa di San Biagio.

Sembra che i normanni ne trassero materiali per la costruzione della cattedrale di Sant'Agata, tra cui le colonne in granito grigio che decorano il prospetto e le absidi.

Nel 1550, vennero abbattuti il primo e il secondo piano e con le stesse macerie furono riempite le gallerie.

Dopo il terremoto del 1693, l'anfiteatro fu definitivamente sepolto fino ai primissimi anni del XX secolo, quando si realizzò lo scavo di piazza Stesicoro.

L'anfiteatro è aperto tutti i giorni eccetto il lunedì dalle 9:00 alle 13:30 e dalle 14:30 alle 17:00.

Ingresso gratuito.

Per info tel: 095 7150508


Torna su Torna su
Stampa pdf
   
Gnuni - La Sicilia della porta accanto
CON GNUNI SCOPRI LA SICILIA! ORGANIZZA LA TUA VACANZA, LA TUA GITA, LA TUA PASSEGGIATA IN SICILIA. SCOPRI LA SICILIA CHE NON CONOSCI. GNUNI E' UNA GUIDA PER IL TURISTA IN SICILIA. GNUNI PER CONOSCERE ED AMARE OGNI ANGOLO DELLA SICILIA.
GNUNI E' DEDICATO A MONICA, L'AMORE DELLA MIA VITA