Gnuni Sicilia - Area Archeologica di Palikè
CON GNUNI SCOPRI LA SICILIA! ORGANIZZA LA TUA VACANZA, LA TUA GITA, LA TUA PASSEGGIATA IN SICILIA. SCOPRI LA SICILIA CHE NON CONOSCI. GNUNI E' UNA GUIDA PER IL TURISTA IN SICILIA. GNUNI PER CONOSCERE ED AMARE OGNI ANGOLO DELLA SICILIA. VISITARE
SCOPRI LA SICILIA
Scopri la Sicilia con Gnuni!
Ingrandisci la mappa interattiva, appariranno punti sempre più dettagliati!

  • Area Archeologica di Palikè
Close Clicca sull'immagine
Si Trova: nei pressi di Mineo
Lat: 37° 19' 46.20505" N - Long: 14° 41' 50.87293" E

Aggiungi ai miei itinerari
Aggiungi alla lista Punti che vorrei visitare

Sembra che Palikè, insediamento paleolitico e sito archeologico italiano, sia stata fondata da Ducezio nel 453 a.C.; questi ne fece la capitale del suo stato.

La città di Palikè fu fondata sull'altura che domina la pianura dove si trovava l'antico santuario dei Palici, divinità indigene ben presto inserite nel pantheon greco.

Nell'area davanti alla grotta che si apre ai piedi dell'altura, è stata individuata la presenza di una serie di strati archeologici che dal Mesolitico arrivano all'età sveva.

All'età arcaica risalgono le più antiche strutture che si possono attribuire al santuario dei Palici che viene ricostruito con strutture monumentali quali portici e sala da banchetto nel V secolo a.C.

Per i Siculi, il santuario dei Palìci rappresentava un importante punto di riferimento per la loro fede.

Il tempio a suo tempo era noto in tutto il mondo conosciuto, e da ogni parte venivano fedeli per ammirare i prodigi dell'acqua del tempio; questo infatti era costruito attorno ad un laghetto dal cui fondo scaturiva del metano (oggi al suo posto sorge un'industria per l'estrazione del metano), il quale risaliva in superficie facendo ribollire le acque e creando un effetto che gli uomini del tempo subito attribuirono agli dei.

L'area sacra aveva diversi edifici non solo per il culto, ma anche di servizio.

Recenti scavi hanno messo alla luce qui alcuni porticati ed una sala per banchetti.

Sul costone roccioso del promontorio vi è una necropoli con diverse tombe risalenti all'età del Bronzo tardo, cioè all'XI Secolo a.C.

I loculi meglio conservati sono posizionati in alto, invece quelli a livello terra e ai primi piani hanno subito nel corso dei secoli delle modifiche per essere utilizzati come ovili.

L'area archeologica ospita anche un museo dove sono custoditi vari reperti rinvenuti durante gli scavi.

Altri reperti di questa zona sono custoditi nel Museo Paolo Orsi di Siracusa.

I materiali esposti illustrano la storia del sito dal periodo mesolitico fino all'età medievale ('500).

Chi volesse visitare questo sito, può contattare la Sovrintendenza ai Beni Culturali di Catania.


Torna su Torna su
Stampa pdf
   
Gnuni - La Sicilia della porta accanto
CON GNUNI SCOPRI LA SICILIA! ORGANIZZA LA TUA VACANZA, LA TUA GITA, LA TUA PASSEGGIATA IN SICILIA. SCOPRI LA SICILIA CHE NON CONOSCI. GNUNI E' UNA GUIDA PER IL TURISTA IN SICILIA. GNUNI PER CONOSCERE ED AMARE OGNI ANGOLO DELLA SICILIA.
GNUNI E' DEDICATO A MONICA, L'AMORE DELLA MIA VITA