Gnuni Sicilia - Castello di Calatubo
CON GNUNI SCOPRI LA SICILIA! ORGANIZZA LA TUA VACANZA, LA TUA GITA, LA TUA PASSEGGIATA IN SICILIA. SCOPRI LA SICILIA CHE NON CONOSCI. GNUNI E' UNA GUIDA PER IL TURISTA IN SICILIA. GNUNI PER CONOSCERE ED AMARE OGNI ANGOLO DELLA SICILIA. VISITARE
SCOPRI LA SICILIA
Scopri la Sicilia con Gnuni!
Ingrandisci la mappa interattiva, appariranno punti sempre più dettagliati!

  • Castello di Calatubo
  • Castello di Calatubo
  • Castello di Calatubo
Close Clicca sull'immagine
Si Trova: in territorio di Alcamo
Lat: 38° 0' 53.98722" N - Long: 12° 59' 11.15680" E

Aggiungi ai miei itinerari
Aggiungi alla lista Punti che vorrei visitare

Passando dall'autostrada, sembra quasi di entrarci dentro, nonostante la sua altezza a 152 metri sul livello del mare; tanto la strada passa vicino al castello di Calatubo.

L'uomo abitò questo sperone roccioso già in epoca preistorica; qui si trovano i resti di un insediamento elimo ed una necropoli.

Gli arabi chiamarono questo luogo Kalata et tub, cioè "terra di tufo", per la pietra tufacea in cui si trova, ma le prime notizie storiche si hanno nell'anno 1093, quando il Conte Ruggero definì i confini della diocesi di Mazara del Vallo includendovi questo castello.

Nel medioevo il castello ebbe un importante ruolo strategico, in quanto, dominando tutta la zona circostante, era punto di mezzo per il flusso di informazioni tra i castelli di Carini, Partinico e Castellammare del Golfo.

Appartenne a Raimondo Peralta, ma in seguito perse la sua funzione originaria di fortezza militare; divenne un baglio e servì per l'amministrazione agricola del feudo di Calatubo.

Appartenne anche alla famiglia De Ballis, che vi aggiunse anche una chiesetta e degli ambienti di carattere residenziale.

Nonostante le varie trasformazioni avvenute nel corso dei secoli, la parte più antica del castello mostra ancora la sua caratteristica originaria di fortezza.

Il castello è rimasto in buone condizioni fino al terremoto del Belice del 1968; in seguito un incendio recò ulteriori danni alle strutture.

Nel 2007 è stato acquistato dal Comune di Alcamo, ma versa tutt'ora in stato di abbandono e normalmente è chiuso alle visite per questioni di inagibilità.


Torna su Torna su
Stampa pdf
   
Gnuni - La Sicilia della porta accanto
CON GNUNI SCOPRI LA SICILIA! ORGANIZZA LA TUA VACANZA, LA TUA GITA, LA TUA PASSEGGIATA IN SICILIA. SCOPRI LA SICILIA CHE NON CONOSCI. GNUNI E' UNA GUIDA PER IL TURISTA IN SICILIA. GNUNI PER CONOSCERE ED AMARE OGNI ANGOLO DELLA SICILIA.
GNUNI E' DEDICATO A MONICA, L'AMORE DELLA MIA VITA