Gnuni Sicilia - Chiesa di San Gaetano alle Grotte
CON GNUNI SCOPRI LA SICILIA! ORGANIZZA LA TUA VACANZA, LA TUA GITA, LA TUA PASSEGGIATA IN SICILIA. SCOPRI LA SICILIA CHE NON CONOSCI. GNUNI E' UNA GUIDA PER IL TURISTA IN SICILIA. GNUNI PER CONOSCERE ED AMARE OGNI ANGOLO DELLA SICILIA. VISITARE
SCOPRI LA SICILIA
Segnala il tuo punto Gnuni!
Inserisci il tuo luogo del cuore tra i punti Gnuni: invia una segnalazione dalla pagina "contatti"

  • Chiesa di San Gaetano alle Grotte
  • Chiesa di San Gaetano alle Grotte
  • Chiesa di San Gaetano alle Grotte
Close Clicca sull'immagine
Si Trova: a Catania
Lat: 37° 30' 31.56003" N - Long: 15° 5' 17.56174" E

Aggiungi ai miei itinerari
Aggiungi alla lista Punti che vorrei visitare

Entrando in questa chiesa si è accolti da una scala che si addentra nel buio di una grotta lavica.

In epoca romana questa grotta, da dove tutt'oggi sgorga e si ingrotta nuovamente l'acqua, fu utilizzata come cisterna, per essere poi riadattata all'uso di sepolcreto paleocristiano.

Divenne una chiesa cristiana nel 262, forse fu la prima costruita a Catania.

Nel soffitto del pozzo rimangono tracce di una campata in mattoni di terracotta, un archosolium, una falsa finestra e due sedili in pietra lavica.

Nel 313 l'edificio venne dotato dell'altare e di un arco trionfale.

L'ambiente fu rivestito di affreschi di cui oggi non restano che labili tracce, se non una Madonna con Bambino del III secolo, di cui sono appena leggibili i volti.

Con la conquista musulmana della Sicilia, la chiesa superiore venne demolita e abbandonata.

I Normanni eressero una nuova gradinata in pietra lavica in sostituzione di una ripida discesa; a questo periodo risalgono le grosse colonne del presbiterio.

La chiesa sotterranea divenne la cripta per il tempio superiore, sulla cui origine si conosce ben poco, tuttavia l'area presbiteriale a pianta quadrata e l'orientamento verso est ne indicano una possibile origine bizantina.

Nel 1558 l'edificio fu sgomberato e ripulito, ad opera dei frati Carmelitani.

Demolita in parte nel 1674 per la costruzione del vicino bastione di San Michele, la chiesa venne distrutta definitivamente dal terremoto del 1693.

La ricostruzione si protrasse a lungo, e venne completata nel 1801.

Nuovamente abbandonata dopo il bombardamento subito durante la seconda guerra mondiale, oggi è nuovamente aperta e adibita al culto.

Secondo la tradizione la chiesa inferiore ospitò le spoglie di Sant'Agata dalla sua morte, avvenuta nel 251, alla sua sepoltura nella chiesa di Sant'Agata la Vetere nel 264.

Un'altra tradizione vuole che anche Sant'Euplio, co-patrono di Catania, fosse stato qui temporaneamente deposto dopo la sua morte avvenuta nel 304.


Torna su Torna su
Stampa pdf
   
Gnuni - La Sicilia della porta accanto
CON GNUNI SCOPRI LA SICILIA! ORGANIZZA LA TUA VACANZA, LA TUA GITA, LA TUA PASSEGGIATA IN SICILIA. SCOPRI LA SICILIA CHE NON CONOSCI. GNUNI E' UNA GUIDA PER IL TURISTA IN SICILIA. GNUNI PER CONOSCERE ED AMARE OGNI ANGOLO DELLA SICILIA.
GNUNI E' DEDICATO A MONICA, L'AMORE DELLA MIA VITA