Gnuni Sicilia - Chiesa di San Martino a Randazzo
CON GNUNI SCOPRI LA SICILIA! ORGANIZZA LA TUA VACANZA, LA TUA GITA, LA TUA PASSEGGIATA IN SICILIA. SCOPRI LA SICILIA CHE NON CONOSCI. GNUNI E' UNA GUIDA PER IL TURISTA IN SICILIA. GNUNI PER CONOSCERE ED AMARE OGNI ANGOLO DELLA SICILIA. VISITARE
SCOPRI LA SICILIA
Scopri la Sicilia con Gnuni!
Ingrandisci la mappa interattiva, appariranno punti sempre più dettagliati!

  • Chiesa di San Martino a Randazzo
  • Chiesa di San Martino a Randazzo
  • Chiesa di San Martino a Randazzo
  • Chiesa di San Martino a Randazzo
  • Chiesa di San Martino a Randazzo
  • Chiesa di San Martino a Randazzo
Close Clicca sull'immagine
Si Trova: a Randazzo
Lat: 37° 52' 37.84070" N - Long: 14° 56' 36.84954" E

Aggiungi ai miei itinerari
Aggiungi alla lista Punti che vorrei visitare

La chiesa di san Martino di Randazzo è di origine duecentesca, ma ha subito notevoli trasformazioni nel corso della sua storia che ne hanno alterato lo schema originario.

Inizialmente era ad una navata; altre due vennero aggiunte nel XIII secolo, e successivamente ne venne aggiunta anche una quarta.

Il prospetto del XIII secolo fu rifatto nel XV secolo con pregevolissimi bassorilievi.

Della chiesa più antica si conserva in buone condizioni il superbo campanile in stile arabo-normanno-svevo, considerato il più bello in Sicilia.

Ha tre ordini di bifore con bellissimi archi ogivali, e trifore al terzo piano.

L'effetto cromatico ottenuto dalla pietra calcarea e da quella lavica è affascinante.

Del periodo normanno sono anche le due arcate delle porte laterali in pietra nera, con magnifici ornamenti.

I bombardamenti anglo-americani del 1943 causarono enormi danni alla chiesa; rimasero solo il campanile e la facciata; all'interno rimasero le colonne e gli archi; andarono perduti i quadri e le tavole preziose che conteneva, eccetto la Risurrezione di Lazzaro ed il quadro della Pietà.

Caddero anche la Cupola e la Cappella del Santissimo Crocifisso e vennero distrutti anche l'organo ed il coro ligneo.

La chiesa perdette anche la quarta navata, ed ora, ricostruita, si presenta spoglia, eccetto che per alcune opere superstiti che però sono di pregevolissima fattura; in particolar modo spicca un bellissimo fonte battesimale di marmo rosso con pilastrini ottagonali ed archetti ogivali con capitelli frondosi, opera di Angelo Riccio realizzata nel 1447, un piccolo gioiello medievale.

Inoltre troviamo anche un'acquasantiera ed un ciborio in marmo, entrambi del XIV secolo, la statua della Madonna delle Grazie, del 1535, attribuita a Vincenzo Gagini, la statua della Madonna della Misericordia di scuola gaginesca, un quadretto del XV secolo raffigurante la Pietà.


Torna su Torna su
Stampa pdf
   
Gnuni - La Sicilia della porta accanto
CON GNUNI SCOPRI LA SICILIA! ORGANIZZA LA TUA VACANZA, LA TUA GITA, LA TUA PASSEGGIATA IN SICILIA. SCOPRI LA SICILIA CHE NON CONOSCI. GNUNI E' UNA GUIDA PER IL TURISTA IN SICILIA. GNUNI PER CONOSCERE ED AMARE OGNI ANGOLO DELLA SICILIA.
GNUNI E' DEDICATO A MONICA, L'AMORE DELLA MIA VITA