Gnuni Sicilia - Salinelle dei Cappuccini
CON GNUNI SCOPRI LA SICILIA! ORGANIZZA LA TUA VACANZA, LA TUA GITA, LA TUA PASSEGGIATA IN SICILIA. SCOPRI LA SICILIA CHE NON CONOSCI. GNUNI E' UNA GUIDA PER IL TURISTA IN SICILIA. GNUNI PER CONOSCERE ED AMARE OGNI ANGOLO DELLA SICILIA. VISITARE
SCOPRI LA SICILIA
Scopri la Sicilia con Gnuni!
Ingrandisci la mappa interattiva, appariranno punti sempre più dettagliati!

  • Salinelle dei Cappuccini
  • Salinelle dei Cappuccini
  • Salinelle dei Cappuccini
  • Salinelle dei Cappuccini
  • Salinelle dei Cappuccini
Close Clicca sull'immagine
Si Trova: a Paternò
Lat: 37° 34' 23.42722" N - Long: 14° 53' 23.98685" E

Aggiungi ai miei itinerari
Aggiungi alla lista Punti che vorrei visitare

Le Salinelle di Paternò sono un'interessante area geologico-naturalistica caratterizzata da un suggestivo fenomeno di vulcanesimo secondario, con fuoriuscita di gas, acqua e fango, che rievoca paesaggi lunari.

Presentano un terreno argilloso che non consente lo sviluppo di vegetazione, e sono state inserite dal Ministero dell'Ambiente nella speciale lista del patrimonio da tutelare e preservare.

La formazione delle salinelle è datata al VI millennio a.C., e sembra strettamente legata alle attività dell'Etna.

Sono tre i siti principali; questo è denominato "Salinelle dei Cappuccini" in quanto sorgono in una zona in cui dal 1556 al 1596 era presente la chiesa dei Frati Cappuccini, sede poi abbandonata a causa dell'insalubrità dell'aria; la seconda salinella in territorio di Paternò, è detta "Salinella del Fiume" in quanto si trova vicino alla riva del fiume Simeto.

Una terza salina, la salina di San Biagio, si trova in territorio di Belpasso, ma non distante da Paternò.

Quella dei Cappuccini è la salinella più estesa (30.000 metri quadri) ed attiva, tanto che a volte perfora l'asfalto della strada che ne divide in due il sito.

Durante la risalita dal sottosuolo, le acque calde entrano in contatto con le acque delle falde superficiali più fredde, questo porta ad un abbassamento della temperatura, per cui le Salinelle sono state definite "sorgenti fredde", con temperatura dell'acqua solitamente bassa che si discosta poco dalla temperatura ambiente; solo in alcune fasi parossistiche sono state registrate temperature comprese tra 40 e 50 gradi ed in tali occasioni sono state osservate delle colonne di acqua fangosa alte fino a 1,5 m.

Alcuni scavi in prossimità delle salinelle dei Cappuccini hanno mostrato tracce di insediamenti umani del periodo Neolitico, con ceramiche lavorate con i fanghi dei vulcanetti.

Le prime notizie storiche sulle salinelle invece ci pervengono dallo storico Diodoro Siculo.

Le Terme Romane di Contrada Cappuccini Vecchi del resto fanno presumere che già i Romani ne fecero un uso terapeutico.


Torna su Torna su
Stampa pdf
   
Gnuni - La Sicilia della porta accanto
CON GNUNI SCOPRI LA SICILIA! ORGANIZZA LA TUA VACANZA, LA TUA GITA, LA TUA PASSEGGIATA IN SICILIA. SCOPRI LA SICILIA CHE NON CONOSCI. GNUNI E' UNA GUIDA PER IL TURISTA IN SICILIA. GNUNI PER CONOSCERE ED AMARE OGNI ANGOLO DELLA SICILIA.
GNUNI E' DEDICATO A MONICA, L'AMORE DELLA MIA VITA