Gnuni Sicilia - SS.Pietro e Paolo in val d'Agrò
CON GNUNI SCOPRI LA SICILIA! ORGANIZZA LA TUA VACANZA, LA TUA GITA, LA TUA PASSEGGIATA IN SICILIA. SCOPRI LA SICILIA CHE NON CONOSCI. GNUNI E' UNA GUIDA PER IL TURISTA IN SICILIA. GNUNI PER CONOSCERE ED AMARE OGNI ANGOLO DELLA SICILIA. VISITARE
SCOPRI LA SICILIA
Segnala il tuo punto Gnuni!
Inserisci il tuo luogo del cuore tra i punti Gnuni: invia una segnalazione dalla pagina "contatti"

  • SS.Pietro e Paolo in val d
  • SS.Pietro e Paolo in val d
  • SS.Pietro e Paolo in val d
  • SS.Pietro e Paolo in val d
  • SS.Pietro e Paolo in val d
  • SS.Pietro e Paolo in val d
  • SS.Pietro e Paolo in val d
  • SS.Pietro e Paolo in val d
Close Clicca sull'immagine
Si Trova: nei pressi di Casalvecchio Siculo
Lat: 37° 56' 49.51556" N - Long: 15° 18' 30.98170" E

Aggiungi ai miei itinerari
Aggiungi alla lista Punti che vorrei visitare

Chi non è mai stato da quelle parti, è piacevolmente invitato a visitare quello che è considerato il monumento più interessante della Sicilia: la Chiesa dei SS.Pietro e Paolo, gioiello dell'architettura bizantina, araba e normanna.

Fondata da monaci basiliani venne ricostruita nel 1117 e in seguito, dopo il terremoto del 1169, fu restaurata nel 1172.

La chiesa è il monumento più importante dell'intera vallata ed è divenuto nel tempo l'elemento simbolo dei comuni della Valle d'Agrò.

Vicino alla Chiesa vi era un grande monastero, dove presero alloggio i monaci Basiliani.

Il monastero divenne, in breve tempo, non soltanto un centro di potere religioso ma anche giudiziario e politico.

Per più secoli proprio questo luogo fu sede culturale fra le più importanti del messinese.

L'opera dei monaci venne a cessare verso il finire del 1794, quando i basiliani abbandonarono la vallata dell'Agrò.

Dal punto di vista architettonico, il monumento dei SS.Pietro e Paolo rappresenta uno dei monumenti siciliani più complessi: è infatti una sintesi di elementi di arte bizantina, araba e normanna con i suoi muri di arenaria, calcare, pietra lavica, tufo, cotto, pomice, in mattoni rossi, bianchi e neri che si rincorrono sulle pareti e nelle archeggiature delle facciate formando motivi decorativi semplici ed eleganti unici nel loro genere, che sottolineano la linearità delle colonne monolitiche sormontate dai capitelli, che segnano le navate.

Lungo la navata centrale si elevano due cupole in stile arabo: una più alta ed ondulata a spicchi, l'altra, nell'area del transetto, più bassa ed a pianta ottagonale.

Il tempio fu consacrato nel 1178.

La costruzione può ritenersi senz'altro il punto di conclusione della corrente di cultura architettonica definita basiliana.

Pochi sono i luoghi come questo, in cui le diverse anime del Mediterraneo sono riuscite a fondersi creando un unicum architettonico che ancora oggi sfida i secoli e suscita meraviglia ed ammirazione in chi ha la fortuna di visitarlo.

Ha l’aspetto di una chiesa fortificata con il classico orientamento della parte absidale ad est.

Il suo aspetto ed il coronamento di merli indicano senza dubbio la funzione di fortezza che ha dovuto sostenere nei vari secoli.

Ha caratteristiche molto simili a quelle che si possono riscontrare nelle grandi cattedrali di Cefalù e Monreale.


Torna su Torna su
Stampa pdf
   
Gnuni - La Sicilia della porta accanto
CON GNUNI SCOPRI LA SICILIA! ORGANIZZA LA TUA VACANZA, LA TUA GITA, LA TUA PASSEGGIATA IN SICILIA. SCOPRI LA SICILIA CHE NON CONOSCI. GNUNI E' UNA GUIDA PER IL TURISTA IN SICILIA. GNUNI PER CONOSCERE ED AMARE OGNI ANGOLO DELLA SICILIA.
GNUNI E' DEDICATO A MONICA, L'AMORE DELLA MIA VITA