Gnuni Sicilia - Ustica
CON GNUNI SCOPRI LA SICILIA! ORGANIZZA LA TUA VACANZA, LA TUA GITA, LA TUA PASSEGGIATA IN SICILIA. SCOPRI LA SICILIA CHE NON CONOSCI. GNUNI E' UNA GUIDA PER IL TURISTA IN SICILIA. GNUNI PER CONOSCERE ED AMARE OGNI ANGOLO DELLA SICILIA. VISITARE
SCOPRI LA SICILIA
Segnala il tuo punto Gnuni!
Inserisci il tuo luogo del cuore tra i punti Gnuni: invia una segnalazione dalla pagina "contatti"

Lat: 38° 42' 27.41322" N - Long: 13° 10' 38.38119" E

Aggiungi ai miei itinerari
Aggiungi alla lista Punti che vorrei visitare

La caratteristica naturale dell'isola di Ustica è la presenza di numerose grotte che si aprono lungo le coste alte e scoscese, così come numerosi scogli e secche presenti tutt'intorno all'isola nella quale scarseggiano le risorse idriche.

Geologicamente è affine alle Eolie e di origine vulcanica; sono presenti dei rilievi collinari che dividono l'isola in due versanti.

Ad Ustica si trova la riserva naturale orientata Isola di Ustica ed un'area marina protetta.

L'isola offre alcuni dei fondali più belli del Mediterraneo per la ricchezza di flora e fauna che assomigliano a quelle tropicali che la rendono meta ambita per gli appassionati di immersioni, Ustica infatti ospita la Rassegna Internazionale delle Attività Subacquee: è un appuntamento che attrae sull'isola centinaia di appassionati e di professionisti del settore.

Gli antichi romani la chiamavano Ustica (bruciato) mentre i greci, Osteodes (ossario) per i resti di mercenari che vi sarebbero morti per fame e sete.

Da alcuni viene ritenuta la dimora della maga Circe, citata nell'Odissea, che trasformava gli incauti visitatori in maiali.

Gli insediamenti umani risalgono al Paleolitico, e ci sono testimonianze di una presenza costante di antichi popoli mediterranei, Fenici, Greci, Cartaginesi e Romani.

Divenuta in seguito base dei pirati saraceni, lo rimase per lunghissimo tempo.

Nel 1759 Ferdinando IV di Borbone impose una colonizzazione dell'isola; furono edificate due torri di guardia, Torre Santa Maria e Torre Spalmatore, che facevano parte del sistema di avviso delle Torri costiere della Sicilia, cisterne per raccogliere l'acqua piovana e case che costituirono il centro abitato principale presso la Cala Santa Maria.

Vennero coloni palermitani, trapanesi ed eoliani, accompagnati da un centinaio di soldati.

Ustica al tempo dei Borbone fu anche un luogo di confino per prigionieri politici e vi restò anche sotto casa Savoia.

Nel 1961 il confino fu abolito e da allora iniziò a svilupparsi il turismo.

Di notevole interesse turistico vi sono il Museo Archeologico Torre di Santa Maria, che raccoglie resti e materiali degli insediamenti delle antiche civiltà di Ustica, reperti della media Età del Bronzo e oggetti che provano i contatti tra i popoli preistorici del Mediterraneo.

Il Villaggio di Tramontana, preistorico dell'età del bronzo, situato nell'omonima località, si trova presso la cala del camposanto.

L'Aquario dello Spalmatore, situato all'interno della riserva marina, raccoglie una discreta collezione di specie acquatiche del mediterraneo.


Torna su Torna su
Stampa pdf
   
Gnuni - La Sicilia della porta accanto
CON GNUNI SCOPRI LA SICILIA! ORGANIZZA LA TUA VACANZA, LA TUA GITA, LA TUA PASSEGGIATA IN SICILIA. SCOPRI LA SICILIA CHE NON CONOSCI. GNUNI E' UNA GUIDA PER IL TURISTA IN SICILIA. GNUNI PER CONOSCERE ED AMARE OGNI ANGOLO DELLA SICILIA.
GNUNI E' DEDICATO A MONICA, L'AMORE DELLA MIA VITA